giovedì 23 febbraio 2012

ODE AL LIMONE

Da quei fiori
sciolti
dalla luce della luna,


da quell’odore d’amore
esasperato,
immerso nella fragranza,
sorse
dall’albero del limone il giallo,
dal suo planetario
discesero i limoni sulla terra.


Tenera merce!
Si riempirono le costiere, i mercati,
di luce, di oro silvestre,
e aprimmo due metà
di miracolo,
acido congelato
che scorreva
dagli emisferi
di una stella,
e il liquore più intenso
della natura, intrasferibile,
vivo, irriducibile,
nacque dalla freschezza
del limone,
della sua casa fragrante,
dalla sua acida, segreta simmetria.


Nel limone i coltelli
han tagliato
una piccola cattedrale
l’abside nascosto
aprì alla luce le acide vetrate
e in gocce
scivolarono i topazi,
gli altari,
la fresca architettura.
Così, quando la tua mano
impugna l’emisfero
del tagliato
limone sul tuo piatto,
un universo d’oro spargi,
una coppa gialla
con miracoli,
uno dei capezzoli profumati
del petto della terra,
il raggio della luce ch’è diventato frutta,
il fuoco minuto di un pianeta.



I versi di Pablo Neruda
le foto mie e da web

venerdì 17 febbraio 2012

RICORDO DI UN AMICO.


Apriamo un blog e dentro ci riversiamo opinioni idee fatti chiacchiere politica,versi fotografie.
Un grande contenitore gestito secondo i nostri gusti personali,arricchito da commenti e commentatori che spesso,pian piano diventano amici:abbiamo preferenze simpatie,insomma succede come nella vita reale,di tutti i giorni.
Ho incontrato così,attraverso i suoi commenti, Luigi Morsello.Commenti mai superficiali e scontati.Preciso,chiaro garbato,polemico qualche volta ma sempre con annotazioni pertinenti ed intelligenti.
Per questo avevo voluto leggere il suo libro, ed è stata una rivelazione.
Non è un libro facile,ma dentro c'è,pagina dopo pagina,impegno,lungimiranza,
entusiasmo ,delusione,in un lavoro particolarmente difficile,non molto conosciuto dai più,in momenti altrettanto diffici della nostra recente storia,un lavoro svolto con impegno umano prima ed oltre che professionale.


Mi è stato più facile così capire l'uomo,ma anche per questo è stata più triste la notizia della sua scomparsa.
Lo ricordo adesso,che è passato un po di tempo,adesso che la mancanza dei suoi commenti si fa spessa e tangibile,adesso che vado ancora a cercare sul suo blog ,muto.

martedì 14 febbraio 2012

LA LUCE DEI TUOI OCCHI












Hai illuminato la notte
con la luce dei tuoi occhi
quando una luna complice
ha raccolto in grembo i suoi raggi
per liberare il cielo
e regalarlo a noi.

venerdì 3 febbraio 2012

QUALCOSA DI ME

L'amica Stregabugiarda mi ha invitata ad un quasi gioco:dire sette cose su di me,dopo aver ritirato il premio.
So di essere un po in ritardo,ma la prima cosa che dovrei dire è che sto diventando molto distratta, ho combinato un sacco di "cavolate" e per ultimo ho rotto anche gli occhiali!
Domani li ritirerò,nuovi perchè ho fatto una messa a punto anche della vista.
Questo il premio per il quale ringrazio l'amica Gingi


E queste le sette 'note' su di me:

-Sono curiosa,di tutto ciò che mi circonda e che non so spiegarmi-Di quelli,
per intenderci, che smontano le sveglie per curiosare fra gli ingranaggi.
Ho detto curiosa,non invadente.
-Non mi piaccio e non amo gli specchi,se mi vedo e sono distratta penso ci sia
qualcuno a seguirmi..
-Non amo l'ozio,ed ho bisogno di avere sempre qualcosa da fare o pensare,o programmare,
è la mia via di fuga.
-Sono accomodante,e riflessiva,credo anche troppo,ma ho i miei punti deboli,e se
perdo la pazienza,so essere cattiva .
-Mi piace leggere,di tutto,preferenze per la ricerca storica,archeologia e poesia.
-Faccio giardinaggio e gli altri mi considerano un polliceverde,anche se io penso che
molto è dovuto al caso ed agli innumerevoli tentativi: qualcuno prima o poi va
a segno!
-Sono tendensialmente timida e riservta,ed ho bisogno di tempo e situazioni
favorevoli prima di ...sciogliermi.

Credo di essere stata sincera,ma potrei sbagliarmi,che ne dite?