martedì 19 maggio 2009

SUPERARE LA PAURA




Da qualche settimana la mia terra,ballerina,mi regala emozioni ..... non richieste.
Una prima scossa di terremoto,di pomeriggio,mentre stavo al PC:non fortissima,ma il rumore, come di un tuono scoppiato vicinissimo,mi ha fatto saltare dalla sedia.
Non sapevo cosa fare,eppure un po ci sono abituata,ho preso le chiavi di casa-?-
per avvicinarmi alla porta.Provvidenzialmente mio figlio è arrivato,a tranquillizzarmi,farmi pensare razionalmente,pare facile,vero?.
Scosse più leggere,ma quotidiane mettono a dura prova la mia razionalità.
Ci danno una spiegazione,niente a che fare con l'Etna,che pure dà spettacolo,ma tettonico.E l'epicentro non è vicino al paese ove abito,è proprio nel mio paese,a un paio di km.da casa.
Che fare?
O giro per casa con il casco e un equipaggiamento d'emergenza,ma non mi pare il caso.
Oppure,altra possibilità,fare finta di niente e fare altro.
Così,ieri ho raccolto le rose,quelle antiche,profumatissime a cespuglio spontaneo,
e fino a sera ho lavorato per preparare una magnifica,profumatissima confettura.
Alle sedici,circa del pomeriggio,altra scossetta,ma ho continuato,avevo altro da fare.
La confettura è riuscita ottimamente,non posso postare il profumo nè il sapore.Peccato,però.

14 commenti:

rosy ha detto...

cara Chicchina, raccogli le rose ma fa attenzione, lo so che sto dicendo una sciocchezza...
mannaggia,comunque sta tranquilla, ma si sempre pronta a scappare.
Mi dispiace tanto, adesso penserò sempre a te.
Ti abbraccio forte, forte.
Non aver paura, lo so che è facile dirlo...lo so, lo so.

Bacione.

Paola ha detto...

Hai escogitato un ottimo sistema per non pensare e far finta di niente! Mamma mia non oso pensarci... ricordo che diversi anni fa mio marito mi portò a Messina, sua città natia; siamo stati solo 2 giorni ed io li ho vissuti nella psicosi di sentire tremare la terra....e non avevo un giardino a portata di mano dove cogliere rose.
Le ho anch'io delle rose antiche: conosco quel profumo; è meraviglioso e unico.
Un abbraccio e spero che le scosse non si ripetino oltre.

Anonimo ha detto...

Ciao buongiorno Chicchina, vedo che nonostante il "setaggiamento" quotidiano della scala Mercalli, l'ottimismo non ti manca.....e le marmellate ti vengono più buone che mai....e poi ti basta, quando ti svegli, affacciarti alla finestra e vedere lo spettacolo della tua splendida terra. Stupenda la tua rosa e bellissima la foto. Un abbraccio ultrastretto Bruna

jengiskan ha detto...

Chicchina cara,quanto coraggio ci vuole per vivere una situazione come la tua,vorrei trovare le parole per esserti di conforto.Sai che ti dico? io il provumo e il sapore della tua marmellata di petali di rose li sto sentendo.Ciao amica cara,ti sono vicino.

chicchina ha detto...

Rosy,non è che abbia tanta paura perchè i giorni scorrono fra tanti problemi e basta non fermarsi a pensare.
Oggi tutto OK,fino a questo momento,speriamo si sia allontanato il rischio,ma siamo sotto le ali della Provvidenza.
Ti abbraccio e non stare in pensiero,ho la pelle dura,io.

chicchina ha detto...

Le rose,cara Paola,sono stato un diversivo,nei momenti critici devo crearmi delle vie di fuga,mentali,per non soccombere.
Un profumatissimo saluto,e grazie per essere passata.

chicchina ha detto...

Bruna,ti leggo con affetto,sempre.
Non ci fosse stato il ricordo vivo dell'Aquila,forse non ci avrei fatto neanche caso ,ma per ora è così.
Anche la tua terra è bellissima,ricca di tradizione e civiltà.Che bello poterci incontrare...
Ti regalo la rosa,assieme ad un assaggio di confettuta ed un abbraccio fortissimo.
Chicchina

chicchina ha detto...

Jengis,è arrivato fin lì il profumo?
Spero ti piaccia anche il sapore!
Quì siamo abituati,sappiamo di essere a rischio,ma in questo momento abbiamo presenti altri fantasmi di distruzione,e la cosa fa più paura,ma sta già passando,basta qualche giorno senza tremolii,e dimentichiamo subito.
Un abbraccio cordialissimo.

Janas ha detto...

Chicchina, so che tu fai delle confetture buonissime... io so tutto, non dimenticare la mia natura follettesca!
Ti porto i saluti di mio fratelfo, che è ancora un poco imbranato con il blog...ma lui svolazza di qua e di là, sempre con la testa tra le nuvole!!!
Cerca di non preoccuparti, non farti prendere dalla paura, in questi casi bisogna ascoltare, per capire l'entità, ed essere molto razionali.
Ti saluto con tanto affetto, ti mando un bacione, e non temere nulla.
Ah, e i miei post arriveranno presto! Grazie!

chicchina ha detto...

Janas,la paura sta passando perchè da due giorni non tremiamo più.Ma poi sai,anche con la paura,non è che si possa fare molto,e mi pare che hai avuto pure tu qualche esperienza.
Quanto al resto,va tutto ok,e se riesco vorrei dedicarmi un po al decoupage,visto che per ora di marmellate non se ne parla.
Un abbraccio e ricambio i saluti al tuo architetto.

giardigno65 ha detto...

forse le rose portano fortuna ...

angelo giovanni ha detto...

ciao chicchina ti ringrazio per la visita e per il commento lasciatomi. le tue parole sono un bell'incoraggiamento. a te auguro di "ballare" di meno. a presto da "fratelfo" Angelo Giovanni.

chicchina ha detto...

Lo spero anch'io,e comunque danno serenità.
Grazie Giardigno65 ,per il tuo passaggio,mi fa piacere avere dei nuovi amici.
Ciao

chicchina ha detto...

Fratelfo,che piacere averti da me,
non devi ringraziarmi,penso un gran bene dei giovani che si impegnano,anche se spesso sono schiacciati e sagrificati da strane logiche..adulte.
Con te,dal poco che ho letto,le premesse ci sono,buon lavoro,quindi.
Ciao