Post in evidenza

venerdì 9 maggio 2014


CENTO ANNI,MA PORTATI ALLA GRANDE!

Il 16 APRILE 1914 Il Teatro greco di Siracusa,dopo secoli,rivede sulle sue gradinate
un pubblico di spettatori e sulla scena la rappresentazione di una tragedia:
torna alle sue origini.


Foto dal Web:Il primo nucleo di questo teatro risale al III secolo a.c.
Rivisitato,nella forma classica,nel v secolo
solo dopo millenni vine riportato alla luce,quasi come lo vediamo,attraverso gli scavi dell'archeologo Palo Orsi.


L'idea, che solo nel 1913 era un progetto ambizioso,ma vago,incerto,si concretizza per iniziativa del Conte Mario Tommaso Gargallo.Su suggerimento di Paolo Orsi,che tanta parte aveva avuto per riportare alla luce lo splendido teatro,il Conte Gargallo chiama per la prima rappresentazione Ettore Romagnoli che cura la traduzione dell'opera,la direzione artistica e le musiche.
Opera scelta:l'Agamennone di Eschilo.
Ed è con questa stessa tragedia che inizia il ciclo di rappresentazioni del centenario,proprio questa sera-9 maggio 2014-anche se il 16 Aprile scorso in coincidenza con il giorno anniversario è stata presenta l'opera "Verso Argo".
Il testo,il cui contenuto deriva da Eschilo, Euripide, Iliade e altre fonti classiche,
è elaborato da Eva Cantarella,che pur nel rispetto delle fonti,le ricollega fra loro,arricchisce di contenuti la psicologia e le sfumature dei vari personaggi.
"Verso Argo"sembrerebbe quasi un avvicinarsi ad un luogo da dove tutto inizia.
Stiamo parlando della guerra di Troia e dei molti personaggi e fatti che si muovono da ed intorno a questa vicenda.
In programma, che proseguirà fino al 22 giugno,oltre all'"Agamennone" anche le Coefore e Eumenidi,sempre di Eschilo.


Dal Web,alcune immagini del teatro,durante gli spettacoli.


Già dagli anni venti l'INDA-Istituto Nazionale del Dramma Antico-ha messo in scena oltre ai classici della tragedia greca:Eschilo,Sofocle Euripide,anche la commedia antica.
Di Aristofane si sono rappresentate "Le nuvole"Le donne al parlamento"-Gli uccelli",in anni recenti.
E nella corrente stagione andrà in scena "Le Vespe".

La magia di uno spettacolo visto in questo teatro,è irripetibile ed indimenticabile,senza trascurare ovviamente la Città di Siracusa ricca di storia e di sorprese,e vale ,da solo,un viaggio,anche da oltre lo Stretto!


Per chi volesse saperne di più :www.indafondazione.org e ...buona visione

32 commenti:

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Un teatro di grande bellezza.
Saluti a presto.

Nella Crosiglia ha detto...

Una location piena di suggestione e di grande bellezza..
Un abbraccio serale!

nucci massimo ha detto...

sono venuto qualche anno fa e ho visitato sia il teatro che la città vecchia
mi è piaciuto tutto e vorrei tornarci, non lo escludo.
Ciao.

MikiMoz ha detto...

Cazzarola, è una figata!!

Moz-

Cettina G. ha detto...

Il teatro prende vita durante le rappresentazioni classiche dove si rivivono delle emozioni uniche. Io già da tempo non mi perdo questo spettacolo molto particolare che inizia al tramonto per finire col buio e che trasporta in un mondo passato.
Un caro abbraccio

chicchina ha detto...

E' vero,dà emozioni uniche,durante le rappresentazioni!
ciao Cavaliere del Web.

chicchina ha detto...

Ciao,Nella.E' davvero magnifico,e per me un appuntamento irrinunciabile!

chicchina ha detto...

Ciao Massimo,felice che ti sia trovato bene,è una città così sorprendente..Ma se ci torni,perchè non organizzarci per una granita?

chicchina ha detto...

Moz,di sicuro ci faresti un ottimo post!Ti seguo sempre..

chicchina ha detto...

Davvero,Cettina,l'ora dello spettacolo non fa che aumentarne la magia.Io ci sarò per l'8 giugno.Sarebbe bello incontrarci..

Elio ha detto...

Mi piacerebbe molto poter assistere a queste rappresentazioni in un simile ambiente carico di storia.
Buona serata.

Gianna Ferri ha detto...

Grande teatro !!!

chicchina ha detto...

Elio,sono certa che non resteresti deluso!Dai,provaci,un viaggio non impossibile..

chicchina ha detto...

Ciao Gianna è davvero emozionante assistere alle rappresentazioni..

Lina-solopoesie ha detto...

Andare al teatro è davvero emozionante .Ci sono andata pochissime volte . Ora che ho tanto tempo a disposizione spero di andarci più spesso . Ciao 1 bacio.Lina

Giò ha detto...

Auguri, e non li dimostra nemmeno... ho passato pezzi consistenti della mia infanzia a rovistare tra quelle pietre!

il monticiano ha detto...

Cara Chicchina,con questo tuo bel post mi hai fatto tornare in mente
quella volta che -siamo in estate del 1960 - io e mia madre andammo a vedere una commedia greca interpretata da grandi attori, in un teatro-arena all'aperto costruito entro il Colle Palatino nei pressi del Colosseo qui a Roma. Purtroppo non rammento il titolo della commedia e neppure i nomi degli attori ma riportò un
grande successo.
Un grave errore non averlo più ripetuto nel corso degli anni a seguire.
Un caro saluto,
aldo.

Paola ha detto...

Chissà che emozioni assistere alle rappresentazioni in questo magico teatro!!!
E' un pò distante ma vado al sito per curiosare un pò :-)
Ciao cara Chicchina è sempre un piacere leggerti... bacioni!!!

nonnAnna ha detto...

Grazie per questo post.. purtroppo non ho mai visitato Siracusa e spero di poterlo fare al più presto.
L'Italia è piena di luoghi meravigliosi... di cui dobbiamo andare orgogliosi e prendercene cura.
Un abbraccio

chicchina ha detto...

Lina,approfitta se hai tempo perchè il teatro comunque arricchisce la vita.Un abbraccio.

chicchina ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
chicchina ha detto...

Dev'essere stato emozionante "rovistare fra quelle pietre"Giò.
L'archeologia è sempre ricerca di radici,di passi perduti,da ripercorrere.Se le pietre poi rivivono,l'emozione è ancora più forte.

chicchina ha detto...

Dev'essere stato emozionante "rovistare fra quelle pietre"Giò.
L'archeologia è sempre ricerca di radici,di passi perduti,da ripercorrere.Se le pietre poi rivivono,l'emozione è ancora più forte.

chicchina ha detto...

Aldo,molte esperienze positive poi vengono accantonate,chissà perchè..
Anche qui,al giardino delle Terme per qualche anno ci sono state rappresentazioni importanti. Ho visto Scaccia con "Sogni d'una notte di mezza estate" e "Le allegre comari di Windsor".
Poi più nulla,manco più le Terme...
Almeno a Siracusa regge,ancora.

chicchina ha detto...

Paola,almeno su Internet possiamo trovare e gustare tante notizie e cose piacevoli,per me sta diventando una vita parallela.
Il sito e quello che si muove attorno sono cose fantastiche. Un abbraccio.

chicchina ha detto...

Nonna Anna,spero tu possa realizzare questo viaggio,in qualunque stagione.Non resterai delusa.
Ma quando decidi,mi farebbe piacere trovare il modo per incontrarci..sarebbe bello.Un sorriso e serenità.

Blogaventura ha detto...

Bellissimo... e poi son convinto che deve esser davvero suggestivo assistere ad una rappresentazione in uno scenario di questo tipo. Credo si apra veramente la possibilità di um viaggio nel tempo, che si possano assaporare atmosfere che forse abbiamo immaginato solo nei sogni. Un salutone, Fabio

Costantino ha detto...

L'ho scritto anche da Francesca : "Non so se tornerò mai in Sicilia ( sto diventando vecchietto), ma se ci torno Siracusa sarà la mia prima meta.

chicchina ha detto...

Io lo vedo proprio così,Fabio,un
suggestivo,magico viaggio nel tempo.
Pietre che raccontano altre storie e che restano vive,ancora oggi per continuare a raccogliere e raccontare..Grazie Fabio.

chicchina ha detto...

Costantino,approfitta per realizzare un altro piccolo sogno.Siracusa merita questa tua decisione.Francesca è molto brava conosce benissimo i luoghi.Quando decidi avvisa,magari ci si può incontrare tutti e tre.
Un saluto cordialissimo.

Pierpaolo ha detto...

Ciao Chicchina. Ti rimando, in tema di rappresentazioni teatrali, al XX Festival Internazionale del Teatro classico dei Giovani di Palazzolo Acreide, la mia cara terra proprio vicino Siracusa.
Un saluto ed un abbraccio forte

chicchina ha detto...

Grazie per il suggerimento,Pierpaolo.Cercherò e ti farò sapere.Pensare che siano dei giovani a cimentarsi con il teatro classico,aumenta la mia curiosità e il piacere di sapere.Ciao