domenica 14 febbraio 2016

E' UN'ALTRA STORIA....


Mi sono regalata dei fiori
non le scontate rose
ma primule al sapor di primavera
e dalie gialle,colore del sole
e margherite ricche, e promettenti
di nuove fioriture.



A tavola spaghetti ,
un po di mare dentro
vongolette veraci e altro di scoglio.
Un rosè delicato ma non troppo
in calice di soffio trasparente.
un dessert di ricotta e sfogliatine
di mandorle e di miele
Un sorso di vin santo e poi il caffè.
Ho brindato da sola,
all'amore senza tempo e aggettivi
e la musica a farmi compagnia.

21 commenti:

Costantino ha detto...

I fiori colorano la vita, rendono più vivide le gioie, leniscono i dolori, profumano i ricordi.

Tomaso ha detto...

Complimenti cara Chicchina, sembra una bella poesia, con dei versi semplici...
Ciao e buona settimana cara amica.
Tomaso

UIFPW08 ha detto...

I fiori sono bellissimi, un regalòo sincero per te.
Il mio abbraccio, buon lunedi
Maurizio

il monticiano ha detto...

Chicchi', la parte floreale è bellissima ma quella mangereccia non è da meno.
Un salutone,
aldo.

Antonella S. ha detto...

Splendidi i fiori e splendido il pensiero di amarsi da soli gratificandosi con un buon pranzo e un buon vino.
Ciao, buona giornata.
Antonella

Elio ha detto...

Certo che è meglio regalarsi dei fiori perché almeno si scelgono quelli che ci piacciono. Per gli spaghetti alle vongole (un po' di prezzemolo alla fine) la scelta è ottima ma, per il brindisi, potevi invitarmi perché amo il buon vino (senza eccedere). Buonanotte.

riccardo ha detto...

Mi sono piaciuti soprattutto i tre versi finali, che secondo me rivelano una malinconia (ma solo accennata) sottile ed uno sguardo alla vita, il tuo, sereno e tutto sommato, direi anche soddisfatto.
E tutto questo non è facile: io ci sto lavorando... be', diciamo da circa 53 anni... da sempre, insomma!
Di solito nel guardare indietro alla nostra vita prevalgono l'insoddisfazione, la delusione, quando non una certa amarezza.
Ma che cosa ci possiamo fare?
Come diceva il poeta T.S. Eliot: "Per il genere umano non esiste che il tentare."
Un caro saluto.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Mi scuso con tutti voi per non avere risposto subito ai vostri graditi commenti-Ho avuto qualche difficoltà,superata adesso.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Ciao Costantino,coloriamo la vita,quando ci è possibile.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Tomaso,ti ringrazio,non credo siano versi importanti ma è un modo per condividere qualcosa di personale.Ciao.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Mi piacciono i fiori ed i colori,qualche volta ho bisogno di un po di luce in più..Ciao Maurizio.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Aldo,sono quasi una brava cuoca,almeno quando scrivo di cucina..
Ti saluto anch'io .

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Ciao Antonella,facciamo di necessità,virtù..Grazie per la tua gradita presenza.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Elio,sarai invitato per la prossima occasione,promesso,e mi ricorderò anche dei suggerimenti.Ci può mai mancare il prezzemolo nel pesce?(ma non trovavo la rima!!)
Un caro saluto,amico d'oltralpe.Sei fortunato a vivere in due bei Paesi.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Riccardo,fa piacere vederti leggere fra le parole,per il resto,ho affinato l'arte di tentare ma anche di..guardare alla vita con sufficiente serenità,da più anni,rispetto a te.Quindi non disperare nei risultati:ci vuole tempo.
Un cordialissimo saluto.

Rosaria ha detto...

Cara chicchina
La storia dei papaveri mi ha portato qui da te.
Fiori bellissimi ma delicatissimi.

Arrivo da te e trovo non un pranzo ma una poesia che hai scritto con fiori e pranzo
Per dare il benvenuto alla dolce e garbata primavera
Barbato come il tuo post
Bacio e dolce notte ciao

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Ti ringrazio Rosaria,Sempre garbata anche tu,nei commenti (ho visto la rettifica,ma un refuso può sfuggire a tutti.)Una riconciliazione,Rosaria,per quella giornata particolare,riconciliazione con la vita,e con le stagioni.un abbraccio.

andreapac ha detto...

Chicchina una bella nota di primavera come le primule che sembra sorridere in questo grigio di nebbia qui da me. Noto che apprezzi un sorso di Vinsanto, brava, ingentilisce le labbra e da quel tono giusto di energia. Martèdì è marzo e poi rotola la pasqua corre il giorno dopo giorno e il nostro corpo scopre nuove forze e salubri risvegli. Auguri per una veraprimavera.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Da me c'è sole di inoltrata primavera,ma arriveranno le belle giornate anche da te,Andrea.E poi la nebbia ha un suo fascino.
Hai ragione,corrono i giorni e i mesi,rotolano veloci e quasi non facciamo in tempo ad organizzarci fisicamente..Buona primavera anche a te,anche se ti porterà tanto lavoro in più.

Sciarada ha detto...

Che dici Chicchina, lo facciamo insieme un brindisi virtuale in una forma d'amore che appartiene alle donne che vogliono essere sorelle ?
Prosit !

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Ma certo,Sciarada,avere te come sorella,anche se virtuale mi riempie di orgoglio :brindiamo in complicità con quante si sentono parte di questa speciale famiglia di donne,sorelle di viaggio.