Post in evidenza

giovedì 8 marzo 2012

QUELLO CHE GLI UOMINI NON SANNO



Il discorso che sto per fare è generico ma parte anche da considerazioni personali,come spesso succede.
Sono stata anch'io figlia,sorella moglie mamma ed ho potuto studiare bene l'altra parte del nostro piccolo universo mondo.
Gli uomini in genere,parlo dei padri, mariti,compagni,fratelli,spesso NON SANNO esattamente quale è la vita,quella spicciola,quotidiana,della maggior parte di noi ,
donne-madri, donne-mogli, ,donne-compagne, donne-sorelle.
Quando LORO vanno fuori,al lavoro,hanno la preoccupazione del lavoro soltanto,qualunque esso sia.
Quando LORO tornano dal lavoro,hanno bisogno di sentire che ci siamo,spesso ci rovesciano addosso problemi di capoufficio,di gestioni sbagliate,di colleghi un po s.....i,di datori di lavoro incapaci e partigiani.
Quando LORO sono stanchi non vogliono sentire rumori,voci,i bambini che litigano gli elettrodomestici che vanno.
Quando LORO escono,al mattino,magari ci danno il puffettino sulla guancia,e già è un segno che si ricordano che ci siamo,poi ci lasciano qualche bolletta da pagare,qualche commissione da sbrigare, perchè non hanno tempo.
Ma spesso capiamo che sono usciti perchè abbiamo sentito che la porta si è chiusa,dietro di LORO

E NOI restiamo:rifacciamo i letti,riassettiamo la casa,raccogliendo ciò che “loro” figli,mariti compagni si sono lasciati dietro,prima di iniziare le loro difficili giornate. Poi dobbiamo pensare a cosa preparare:pranzo ,merende,cena.
Avviamo la lavabiancheria,la lavastoviglie dopo,insieme ci fanno saltare il contatore,diamo un'occhiata alla dispensa,manca sempre qualcosa,mettiamo insieme le cose da pagare,passiamo dalla banca a prelevare,andiamo al mercato rionale,si guadagna qualche centesimo,forse,su verdura e frutta,facciamo il giro dei supermercati,depliants pubblicitari
in mano,per trovare l'articolo scontato.
Un saluto frettoloso all'amica incrociando i carrelli,un'occhiata alle scadenze dei prodotti,per evitare di ritornare o buttarli in pattumiera,torniamo a casa e già è ora di pranzo,per i figli che tornano.
Accendiamo i fornelli, svuotiamo la lavabiancheria,stendiamo il bucato, apparecchiamo,cercando di rendete tutto appetibile,almeno per i più piccoli,poi ci sono le diete da rispettare,organizziamo il pomeriggio per accompagnare i pargoli in palestre corsi di musica disegno danza giardinaggio e chi più ne ha …
Qualche commissione ,intanto che siamo fuori e poi il giro riprende per riportare tutti a casa.
Docce,merenda, compiti da far fare,e già è ora di pensare alla cena. LORO ritornano e gradirebbero un po di quiete,le ciabatte,la tavola già apparecchiata,magari anche un aperitivo ed un sorriso da parte NOSTRA perchè vogliono gustare il calore della famiglia.

Molti di LORO oggi ci hanno offerto la mimosa,NOI ci siamo commosse,abbiamo ringraziato,ed abbiamo preparato un pranzetto speciale:non sono tempi per uscire magari per una pizza o al ristorante.

BUONA MIMOSA A TUTTI ,A QUELLI CHE NON SANNO E ANCORA DI PIU' AI MOLTISSIMI CHE FANNO LA STRADA DELLA VITA ASSIEME A NOI,OGGI MA ANCHE DOMANI,CONDIVIDENDO LE PICCOLE E LE GRANDI COSE.



26 commenti:

nonnAnna ha detto...

Condivido appieno...
e ti lascio i miei migliori auguri perchè la festa della donna non sia solo l'8 marzo ^____^
nonnAnna

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Ti auguro un sereno e felice 8 marzo.

il monticiano ha detto...

Chicchi' ti assicuro che io non ho mai fatto parte di quei "LORO" che tu hai descritto così bene non perché io sia un marito, un padre e un nonno più bravo degli altri ma perché non ho potuto esserlo per una serie di motivi di salute miei e di mia moglie.
Un caro saluto,
aldo.

chicchina ha detto...

Ciaso Nonna Anna,e grazie per gli auguri che insieme giriamo a tute le donne,proprio tutte,perchè ogni giorno e non solo oggi,sia un giorno di serenità e di orgoglio.
Ciao

chicchina ha detto...

Grazie Cavaliere,anche per te.

chicchina ha detto...

Lo so,Aldo.Volevo provocare un po,ma sappiamo che non siamo,noi,tutte uguali e neanche loro.Siamo parte di un unico universo e dobbiamo convivere....
Un abbraccio,e grazie per la tua amicizia e simpatia.

Lorenzo ha detto...

Condivido nella sostanza e nella forma. Spesso, parlo per me, manchiamo proprio nella quotidianità della famiglia, magari siamo presenti ma assenti nel sentire, nel vedere, che dietro la nostra casa e i nostri figli ci siete voi.
Non so se dobbiamo chiedere scusa, non serve, ma quella mimosa che vi portiamo tutti gli anni, posso assicurarti, c'è anche l'angoscia e la consapevolezza di tutto quanto hai scritto.
Sta solo a noi dare un significato a quel fiore e ricordarci che c'è anche un 9 Marzo.....come tutti i giorni a venire.
Grazie di questo bel post

Lorenzo

DIANA. BRUNA ha detto...

Lo sanno, lo sanno, eccome che lo sanno cara Chicchina, ma a loro fa molto comodo fingere di non saperlo....poi si dice che la donna é scaltra!!!
Però ho constatato che i giovani sono molto più propensi a condividere i compiti casalinghi con le donne.
Quando mai il mio babbo sarebbe andato da solo a fare la spesa col carrello? O a portare in giro il bambino con la carrozzina?
Un po' le cose stanno cambiando, ma provvediamo a comprarci delle comode scarpe perchè del cammino ne abbiamo ancora tanto da fare!!!
Comunque sia, facciamoci gli auguri e speriamo in tempi migliori.
Un abbracio stretto
Bruna

achab ha detto...

Ciao cara Chicchina,auguri,un abbraccio.

Costantino ha detto...

Hai perfettamente ragione,però mi permetto di spezzare una lancia,piccola piccola, a favoredegli umani di sesso maschile.

sirio ha detto...

Condivido cara Chicchina, in effetti penso che di quei "LORO" ce ne siano tanti, troppi...e l'otto marzo - ammesso che lo si voglia ricordare come un giorno di festa che storicamente non lo è - dovrebbe invece elevarsi, la Donna in quanto tale - e scusa se è poco - è quell'universo da amare e rispettare 365 giorni l'anno...
Ciao!

Paola ha detto...

Non si può negare l'evidenza :-)
E sono certa che LORO sanno... ma fa più comodo far finta di non sapere!!!
Ciao Chicchina cara grazie degli auguri che contraccambio lasciandoti un abbraccio grande ed un baciotto!!!

rosy ha detto...

Cara chicchina ho letto e alcune cose che hai detto sono vere e sacrosante.
Ma meno male che ci sono anche tanti maschietti che non fanno parte della schiera dei LORO e questo ci da la speranza di continuare il cammino.
Molti sono stati i maschietti che sono stati accanto alle Donne prima e ora.
Questo però non toglie che nel loro bagaglio ci siano tante cose che tu hai ben elencate.

I giovani di oggi sono diversi, perchè diverse sono le loro mamme e diverse sono le Donne di oggi.

Se camminassimo sempre insieme Donna e Maschietti, la "battaglia" sarebbe più dolce e anche Loro stando accanto alla Donna scoprirebbero un mondo diverso e meraviglioso. Unirci sarebbe l'ideale e spero che un giorno tutto questo avvenga.

Unirci, unirci unirci!

Un fiore alle Donne e anche ai maschietti.

Un bacio ciao

chicchina ha detto...

Ti ringrazio Lorenzo per il commento,la mia era anche una provocazione semiseria,ma pensarci un momento fa bene un po a tutti.Quando lavoriamo fuori casa è difficile anche per noi essere presenti come vorremmo e in quel caso la condivisione aiuta ad allegerire il peso.Sono sicura che sei fra i molti che sanno andare oltre l'8 marzo ed oltre la mimosa.
un cordiale saluto e buon fine settimana.Da me poggia e allerta meteo .

chicchina ha detto...

E' vero Br4una molte cose stanno cambiando e proprio io non dovrei lamentarmi,ma ho buttato un sassolino nello stagno...e il peggio di sicuro succede oltre:sul lavoro fuori,nella divisione dei compliti,dove non sempre si guarda alle competenze.Andiamo avanti,noi ormai camminando piano,ma abbiamo fatto del nostro meglio.
Un abbraccio e auguri per la piccola.
Ti sentirò-

chicchina ha detto...

Grazie Achab.Un buon fine settimana .

chicchina ha detto...

Sto dalla tua parte anch'io,siete l'altra parte di noi ed è bello camminare insieme,a parte le mie punzecchiature.
Ciao Costantino e grazie per la tua presenza

chicchina ha detto...

Sirio,c'è una infinita varietà di caratteri e comportamenti dall'una e dall'altra parte:con un po di buona volontà possiamo riuscire a sopportarci e supportarci,a vicenda.
Grazie per il tuo commentoe la tua presenza,sempre gradita.
Ciao

chicchina ha detto...

Paoletta,si si lo sanno anche quando fanno finta di niente...ma noi glielo ricordiamo.
Ciao ed un buon fine settimana.

chicchina ha detto...

Rosy,mi è piaciuto giocare un po ,ma sappiamo che tanta strada è stata fatta fianco a fianco con i nostri uomini,padri mariti fratelli.Certo se possono tenersi fuori da tanti impicci alcuni lo fanno volentieri ma come dici anche tu molto dipende anche da noi da come e da cosa insegniamo ai nostri figli e poi i risultati ci sono.Ti abbraccio.Ho già risposto!.Ciao

Lina-solopoesie ha detto...

Cara Chicchina, ho letto questo tuo post e trovo che quello che
hai scritto è tutto vero.Ma il mondo della donna è cambiato di parecchio e ringraziare a tutte le meravigliose donne del passato che hanno saputo lottare per donare al mondo femminile il coraggio di continuare. Siamo in cammino da molto poco e molto cammino ci resta ancora
da fare.Buon cammino alle Donne.
Una mimosa ( anche se con ritardo) e un bacio per te
e a tutte le Donne. Lina

chicchina ha detto...

Grazie lina per il tuo contributo alla discussione.Ci sono uomini che si tirano indietro da ogni piccola incombenza familiare,che non sia il lavoro ,molti altri per fortuna che collaborano per coniugare al meglio,lavoro, affetti, figli,famohlia.
Anche noi donne siamo state educate in modo diverso ed a nostra volta abbiamo educato i nostri figli.Strada da fare tanta ma dobbiamo sperare bene per il futuro,almeno da noi.Altrove i problemi ci sono e come!.
Un abbraccio ed una buona domenica.

wolfghost ha detto...

Ovviamente la tua è una generalizzazione che non condivido in linea di massima ma ancora di più in un mondo dove anche le donne lavorano e dove, se gli uomini vogliono apprezzare cio' che dici, non possono di conseguenza stare a guardare.
Poi, per non cadere in una contro-generalizzazione, ammetto ci sono molti che stanno a guardare lo stesso... ma ci sono anche casalinghe che in quanto a lamentele non sono da meno, eh! :-D

www.wolfghost.com

riri ha detto...

Cara, come non condividere i tuoi pensieri? Scusa, ma non sto molto al pc. mi ero persa questo bellissimo post..aggiungerei che qualcosa sembra sia cambiato, gli uomini(parlo di gente che conosco qui) cominciano a rendersi conto del lavoro che richiede la "casa", molti aiutano le loro mogli/compagne ecc. resta immutato il rapporto instaurato tra uomini e donne del sud, aggiungerei appartenenti ad un'altra generazione..dove l'uomo è proprio come descritto da te..c'è ancora molta strada, ma pian piano..
Baci cara, a presto spero:-)

chicchina ha detto...

Wolfghost,touchè.
Mi è piaciuto stuzzicare ed estremizzare,ma aspettavo proprio contributi simili nei commenti perchèla speranza che le cose
cambino oggi è una necessità.
Ho lavorato anch'io fuori,oltre che in casa,e si collaborava tutti.Ma lasciateci il piacere di lamentarci ogni tanto.
Ciao e grazie per il contributo

chicchina ha detto...

Le cose cambiano,per necessità anche oltre che per una diversa educazione.Al sud,un po più lentamente,ma le nuove generazioni hanno già capito ..
Spero vada tutto bene,anch'io non sto molto al pc,ma qualche oretta a gironzolare fra blog e notizie varie
mi aiuta.
Un abbraccio e a presto.