mercoledì 21 dicembre 2016

UNA GIORNATA PARTICOLARE

Una bella domenica di sole,e via,in  gita in una delle cittadine barocche siciliane, Militello Val di Catania,dal 2002 dichiarata dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità,assieme ad altre città tardo barocche del Valdinoto .
Si parte alle 7,30,un po assonnata,in verità,e senza neanche un buon caffè è un po dura,ma recuperiamo quasi subito,al primo autogrill:caffè,cornetto caldo,qualche cioccolatino per coccolarci..

L'Etna ci augura buon viaggio.


All'arrivo,altra sosta in un simpatico ed accogliente bar e poi un'ottima e paziente guida ci fa camminare per tutto il giorno,fra Chiese,musei e scorci panoramici, meritevoli di maggior tempo.
Fra le Chiese visitate,alcune imponenti,le classiche tre navate a croce romana,altre più piccole,una sola navata,a volte neanche completate.
Le prime,sono state,e sono tutt'ora chiese parrocchiali, aperte al culto dei fedeli. Molto ricche,risentono della prodigalità e del prestigio dei committenti.
Quelle più piccole,spiegazione della guida, erano chiese oratori,volute spesso da confraternite più o meno potenti,e che comunque in una specie di gara di visibilità fra le stesse,venivano riccamente addobbate ,da risultare ridondanti di stucchi,ori,ove questi ancora hanno resistito al tempo.
 Prima visita:Monastero di San Benedetto-
Voluto dal principe Francesco Branciforte e dalla moglie Giovanna d'Austria, e completato dalla figlia Margherita, il vasto complesso benedettino di Militello fu costruito tra il 1616 e il 1646, per dimensioni è il terzo monastero benedettino di Sicilia dopo quelli di Catania e Monreale. L'interno della chiesa (oggi parrocchia) ampio e luminoso conserva numerose opere d'arte di pregevole fattura. Era una Chiesa oratorio destinata dalla famiglia Branciforte come monumento che contenesse le tombe della famiglia.Vi riposa solamente  Francesco Branciforte,morto giovanissimo,Dopo la sua morte la cappella resta incompleta.  L'ex abbazia invece, è oggi Palazzo del comune. Per ora chiuso per restauro.



Facciata della Chiesa di San Benedetto
L'Ex convento benedettino,ora Palazzo del Comune,temporaneamente in restauro.





Particolare:Balcone









                                                                                                          
                                                                                                                                                                                                                                                                                
  Chiesa di San Nicolò-parrocchiale e                                                                                                           aperta al culto,molto ricca e con una                                                                                                           facciata monumentale. 
Ricostruita su un luogo di culto antecedente che viene scoperto,quasi per caso,dopo che una parte del transetto è crollato lasciando intravedere ampi locali sottostanti. Bonificati (erano serviti come sepolcri equi anche i morti erano di serie A, tombe con posti singoli,a sedere,e per gli altri,tombe comuni) e adattati,oggi ospitano un ricco museo:statue,arredi sacri,oggetti di culto.





paricolare:tombe colatoie a seduta






pregiato armadio in legno scolpito usato per deporre oggetti di culto.




Altra chiesa importante:Santa Maria della Stella dove si conserva una splendida Terracotta invetriata di Andrea Della Robbia,rappresentante la Natività,ed annesso un piccolo museo di argenti e paramenti sacri .                                                                                                                                            
                                                                                                                              La Natività di Andrea Della Robbia                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             Finalmente  pausa pranzo!Piacevoli commensali,piatti della tradizione locale,e qualche dolce molto particolare e gradito!


                                                             Le cassatelle di Militello.                              

Altre Chiese e monumenti ed  un'ultima visita alla Chiesa del Purgatorio 


Quasi fuori dalla città,piccolissima ,con un ampio spiazzo ben lastricato che si affaccia su un bellissimo panorama che arriva al mare.















Un ultimo sguardo,per le anime purganti ,prima di lasciare questa terra? 









La stanchezza consiglia di avviarci a riprendere il viaggio di ritorno.
Alcune foto che dicono sempre troppo poco,sulla quantità di luoghi interessanti,di storie che li accompagnano,sulla passione di quanti dedicano tempo e professionalità per rendere fruibili ed apprezzabili questi piccoli gioielli ,ed un tessuto sociale consapevole e custode di tanta ricchezza .
Ci sarebbe tanto da raccontare ma per gli eventuali curiosi Vikipedia ha un'ottima e dettagliata pagina dedicata.
Un post un po lungo,lo so,ma tanto ci sarebbe ancora da raccontare.

10 commenti:

Rosaria ha detto...

Non ci sono post lunghi
ma interessanti ed è un piacere leggerli.
Oltre che visitare luoghi che forse non vedrò mai.
Il tutto accompagnato dal tuo lieve e gradevole presentazione.
Grazie per la condivisione
Ti abbraccio augurandoti
Buona giornata!

Tomaso ha detto...

Cara Chicchina, in retta ti lascio un augurio di buona feste e che siano piene di pace e serenità
Tomaso

andreapac ha detto...

Chicchina sono stato 3 volte in sicilia, abito sull'appennino Pistoiese e 1000km da me a Militello. Sono rimasto folgorato dalla tua Sicilia. Palermo Monreale, Catania, Taormina, Noto Scicli, Ibla e Ragusa dove ho pernottato. Spero di ritornare nella prossima primavera per Messina e il litorale nord fino a Palermo. Grazie di avermi fatto partecipe di tanta bellezza. Auguri per questo Natale e tante cose belle per il prossimo 20017.

Sciarada ha detto...

Quanta storia e quanta bellezza nella nostra Italia, se poi aggiungiamo anche le tradizioni culinarie il quadro diventa perfetto.
Buon Natale Chicchina, buon Natale a te e alla tua famiglia !

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Ti ringrazio,Rosaria,le foto non rendono bene ma ho voluto pubblicarle comunque.Davvero interessante e sai che anche qui in Sicilia di cose da vedere ne abbiamo tante.
Ti abbraccio e ,spero a dopo,per sentirci.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Tomaso,grazie per gli auguri che ricambio e per la tua presenza qui.Buone feste e buon tutto.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Andrea,nei tuoi viaggi hai visitato il meglio,ma c'è ancora tanto da vedere.Se verrai per la prossima primavera e se ti farà piacere,mi piacerebbe incontrarci da qualche parte ,ma non voglio essere invadente..
Augfuro anche a te un sereno Natale ed un buon inizio di anno.Ciao

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

La cucina non è certo trascurabile,ghiottonerie e prelibatezze a non finire. Ma è bella tutta e con tante diversità,questa nostra Italia,forse non la apprezziamo sufficientemente..
Un sereno Natale e buon anno,Sciarada,nella semplicità e ricchezza degli affetti.

Nou ha detto...

Post molto interessante, con belle foto.
Buone feste Chicchina!

Ciao Nou

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Grazie Nou,sempre bello avere la tua presenza