domenica 25 dicembre 2016

IL MIO NATALE?


Bello e semplice,fatto di poche cose essenziali:
I figli che ritornato a casa,rito antico,ma per me e per i miei anni ogni volta più sacro e più atteso.
Un camino acceso,per dare luce calore ed un po di allegria alle nostre interminabili chiacchierate.

Una tavola apparecchiata,senza alcuna formalità e a dispetto quasi di ogni tradizione:qualche anno fa ci tenevo,mi ci dedicavo con caparbietà e rigore,ora mi va bene così.
Scelgo le cose che piacciono a loro,hanno anche gusti diversi!
Un figlio che "oggi cucino io" e mi ruba la scena ai fornelli.E poi bisogna ovviamente assaggiare,gustare e complimentarsi,altrimenti che gusto c'è?

L'altro che "la grigliata la preparo io" e a me restano griglie e padelle unte da lavare...ma vuoi mettere la soddisfazione!


Al caffè  ci penso sempre io,e il rito si completa con qualche dolcetto,loro non sono golosi,io si.
E  continuiamo a ricordare e raccontare di altri Natali,la famiglia al completo,i regali per  loro, bambini,il capodanno con gli amici , nel nostro rifugio in montagna e le fontane di fuoco e le fiaccole scintillanti,accese sul terrazzo,incuranti del freddo...
Il mio Natale dura quanto le loro vacanze,è fatto di brevi escursioni in montagna



o qualche piacevole passeggiata in riva al mare:mare e montagna sono ad appena mezz'ora
di distanza e il Natale ci ha regalato splendide e tiepide giornate di sole

Ed ora pensiamo già al dopo-Natale,alle imminenti partenze ed a nuovi programmati ritorni.
P.S.Ho anche ricevuto un regalo importante:un nuovo stereo,moderno,completo di radio,lettore CD e lettore nastri. Potrò finalmente riascoltare i miei vinili e le audio cassette.Non mi sono adattata a tutte le nuove tecnologie e spero di cavarmela.

mercoledì 21 dicembre 2016

UNA GIORNATA PARTICOLARE

Una bella domenica di sole,e via,in  gita in una delle cittadine barocche siciliane, Militello Val di Catania,dal 2002 dichiarata dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità,assieme ad altre città tardo barocche del Valdinoto .
Si parte alle 7,30,un po assonnata,in verità,e senza neanche un buon caffè è un po dura,ma recuperiamo quasi subito,al primo autogrill:caffè,cornetto caldo,qualche cioccolatino per coccolarci..

L'Etna ci augura buon viaggio.


All'arrivo,altra sosta in un simpatico ed accogliente bar e poi un'ottima e paziente guida ci fa camminare per tutto il giorno,fra Chiese,musei e scorci panoramici, meritevoli di maggior tempo.
Fra le Chiese visitate,alcune imponenti,le classiche tre navate a croce romana,altre più piccole,una sola navata,a volte neanche completate.
Le prime,sono state,e sono tutt'ora chiese parrocchiali, aperte al culto dei fedeli. Molto ricche,risentono della prodigalità e del prestigio dei committenti.
Quelle più piccole,spiegazione della guida, erano chiese oratori,volute spesso da confraternite più o meno potenti,e che comunque in una specie di gara di visibilità fra le stesse,venivano riccamente addobbate ,da risultare ridondanti di stucchi,ori,ove questi ancora hanno resistito al tempo.
 Prima visita:Monastero di San Benedetto-
Voluto dal principe Francesco Branciforte e dalla moglie Giovanna d'Austria, e completato dalla figlia Margherita, il vasto complesso benedettino di Militello fu costruito tra il 1616 e il 1646, per dimensioni è il terzo monastero benedettino di Sicilia dopo quelli di Catania e Monreale. L'interno della chiesa (oggi parrocchia) ampio e luminoso conserva numerose opere d'arte di pregevole fattura. Era una Chiesa oratorio destinata dalla famiglia Branciforte come monumento che contenesse le tombe della famiglia.Vi riposa solamente  Francesco Branciforte,morto giovanissimo,Dopo la sua morte la cappella resta incompleta.  L'ex abbazia invece, è oggi Palazzo del comune. Per ora chiuso per restauro.



Facciata della Chiesa di San Benedetto
L'Ex convento benedettino,ora Palazzo del Comune,temporaneamente in restauro.





Particolare:Balcone









                                                                                                          
                                                                                                                                                                                                                                                                                
  Chiesa di San Nicolò-parrocchiale e                                                                                                           aperta al culto,molto ricca e con una                                                                                                           facciata monumentale. 
Ricostruita su un luogo di culto antecedente che viene scoperto,quasi per caso,dopo che una parte del transetto è crollato lasciando intravedere ampi locali sottostanti. Bonificati (erano serviti come sepolcri equi anche i morti erano di serie A, tombe con posti singoli,a sedere,e per gli altri,tombe comuni) e adattati,oggi ospitano un ricco museo:statue,arredi sacri,oggetti di culto.





paricolare:tombe colatoie a seduta






pregiato armadio in legno scolpito usato per deporre oggetti di culto.




Altra chiesa importante:Santa Maria della Stella dove si conserva una splendida Terracotta invetriata di Andrea Della Robbia,rappresentante la Natività,ed annesso un piccolo museo di argenti e paramenti sacri .                                                                                                                                            
                                                                                                                              La Natività di Andrea Della Robbia                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             Finalmente  pausa pranzo!Piacevoli commensali,piatti della tradizione locale,e qualche dolce molto particolare e gradito!


                                                             Le cassatelle di Militello.                              

Altre Chiese e monumenti ed  un'ultima visita alla Chiesa del Purgatorio 


Quasi fuori dalla città,piccolissima ,con un ampio spiazzo ben lastricato che si affaccia su un bellissimo panorama che arriva al mare.















Un ultimo sguardo,per le anime purganti ,prima di lasciare questa terra? 









La stanchezza consiglia di avviarci a riprendere il viaggio di ritorno.
Alcune foto che dicono sempre troppo poco,sulla quantità di luoghi interessanti,di storie che li accompagnano,sulla passione di quanti dedicano tempo e professionalità per rendere fruibili ed apprezzabili questi piccoli gioielli ,ed un tessuto sociale consapevole e custode di tanta ricchezza .
Ci sarebbe tanto da raccontare ma per gli eventuali curiosi Vikipedia ha un'ottima e dettagliata pagina dedicata.
Un post un po lungo,lo so,ma tanto ci sarebbe ancora da raccontare.

venerdì 2 dicembre 2016




L'amica Sciarada mi ha dato anche quest'anno l'opportunità di partecipare a questa bella iniziativa,
ed anche quest'anno apro la mia terza finestra,ricevendo il testimone daPatricia-mirtilla'shouse

Vi racconterò di un viaggio...
Il mio è un viaggio geograficamente breve, un  centinaio di chilometri,poco più,su strade che devo bene ricostruire chiamando in aiuto la memoria. Ma anche un viaggio nel tempo e qui mi allontano di di almeno 70 anni.
Un paesino arroccato in montagna,lontano da strade asfaltate,da luci,da vetrine.Meno di mille anime.

Quasi un presepe..

Quell'anno l'inverno arrivò presto e la neve,abbondante e le tradizionali mulattiere che permettevano i rifornimenti indispensabili erano impraticabili. La piccola comunità di bambini donne ed uomini   sentiva più profondo in senso di isolamento e la mancanza di tanti giovani figli padri fratelli rimasti vittime della guerra.
Vero che la guerra era appena finita ma le cose non andavano meglio. Era una quotidiana lotta per la sopravvivenza.
Iniziata la  novena ,gli anziani pensavano già al Natale,alle cose che mancavano,alla miseria di tante famiglie.
I più saggi,ci sono sempre  in ogni villaggio che si rispetti,ebbero un'idea che, discussione dopo discussione prese corpo.
Quell'anno il Natale sarebbe stata una festa da passare insieme,tutta la comunità.
D'accordo il parroco,la Chiesetta  fu trasformata in un'accogliente sala:


Qualche asse di legno come tavola,le panche ,qualche braciere acceso e la prima parte era fatta.
Le donne,tutte,parteciparono apparecchiando con le tovaglie e le stoviglie migliori,il vino non mancava in paese,e poi polenta bianca,il pane scarseggiava,c'erano conigli e polli da cuocere e anche qualche dolce per i più piccoli.
Don Pietro,titolare di una rivendita “Sali e tabacchi “usciva poco da casa e dal negozio,ma quella sera era insieme agli altri .Le figlie si preoccuparono dei dolci fatti in casa e biscotti.
Il Signor. Emilio  aveva l'unica bottega dove si trovava di tutto,dagli aghi alle bacinelle ai tessuti che nei suoi viaggi a dorso di mulo,portava in paese:portava anche medicine ed i consigli di qualche medico se necessario.
Partecipò anche lui,mettendo a disposizione lumi , petrolio e tanto altro.


Una pregevole Madonna del Gaggini,
ancora conservata nella parrocchia. 

Le più anziane e le mamme con bambini piccoli arrivarono per ultimi,avvolte nei loro scialli neri e caldi,trovando un ambiente già caldo di allegria e familiarità.
Per una sera i problemi e i dispiaceri erano rimasti fuori dalla porta della Chiesetta.
A mezzanotte la messa della natività ha trovato insieme tutto il paese,qualcuno forse alticcio,qualche bambino addormentato ed altri assonnati,ma che Natale!!
Dimenticavo,c'erano anche i miei nonni ed i miei zii fra i tanti.
Il viaggio mi ha portato a cercare gli ultimi testimoni rimasti,di questa storia.
Senza le loro parole,cercate a fatica fra i ricordi,questo sarebbe sembrato un altro racconto di Natale,di buoni sentimenti fra fiaba e realtà.
E' anche questo,ma è  storia vera.
Sperando di non avervi annoiati,passo il testimone a -Gianna-il bene in noi