sabato 21 gennaio 2012

L'ISOLA ….ISOLATA

Vivo in un'isola,ma non slvaggia e deserta(?) come quella dei famosi.Una grande Isola,una Regione,a Statuto Speciale ,con un suo Governatore e tutto il resto.
Un'isola ricca di storia di bellezze naturalistiche di monumenti di tradizioni,di buoni prodotti alimentari e di una sana e moderna agricoltura.Il clima ed il lavoro favoriscono coltivazioni speciali,e molte primizie ricercate e offerte in Italia un po ovunque.
Da una settimana quest'isola vive una storia assurda,vogliamo dire pirandelliana?
Vivo a due passi da Catania e Giardini-Taormina,strada nazionale sempre intasata da auto,camion e tutto ciò che si muove su strada,perchè chi si deve spostare anche per brevi tratti non può o non sa più fare a meno dell'auto e il commercio,ancora vivace,ha bisogno anche di camions,furgoni,tir-
Non ci avevo fatto caso,i primi giorni della settimana,ma già mercoledì ho notato qualche supermarket ,vicino e raggiungibile a piedi,alquanto vuoto e poi un passaparola per la benzina che scarseggiao.Provvedo subito per il carburante ,per la spesa di casa mi sento tranquilla.
Giovedì mattina noto che non c'è il mercatino settimanale.Ma tanto sto male e non potrei andarci.
Poi mi colpisce il diradarsi di auto e altri mezzi ed il silenzio,che diventa quasi assoluto.
Niente camion per il ritiro spazzatura ,niente i furgoni delle derrate alimentari fresche,niente frutta e verdura,perchè anche in zona è difficile muoversi senza carburante.Limitazioni nei tipi di pane.
Non sono uscita per qualche giorno perchè non stavo bene,ma oggi l'ho fatto e sono rimasta molto colpita.



due momenti in due diversi caselli autostradali.Dal Web

Non siamo più abituati a vedere scaffali vuoti ,il mio ortolano non sa mai dove esporre la grande quantità di verdura fresca ed invitante,di frutta di legumi.Oggi il deserto.Non trovo il mio caffè,ma neanche altre alternative.Latte solo marca cavallo,magari buono,ma sono restia a cambiare.
I cassonetti,naturalmente strapieni,l'auto usata poco, perchè il pieno benzina non è illimitato.
Dai notiziari nazionali poche notizie, contraddittorie ed inesatte.Ai caselli autostradali le poche auto passano accompagnate ,direi scortate da polizia,carabinieri per superare i blocchi di autotrasportatori.
Disagi tanti,manipolazioni moltissime,considerazioni da fare ,infinite,ma entrerei in un terreno minato ed in questo momento non sono in vena di polemizzare.
Colpe? Ce ne sono ,e tante, per tutti.E non è qualunquismo.Ci tornerò su questo,per dire la mia
anche se non interesserà nessuno.
Per fortuna oggi è una tiepida giornata di sole,si può uscire anche a piedi,un po di moto e una parziale dieta,resa necessaria dalla scarsità di provviste,chissà che non giovi anche al nostro benessere fisico!


38 commenti:

DIANA. BRUNA ha detto...

Mi piace questo tuo post in cui parli di quello che sta succedendo in tutta Italia, ma soprattutto nella tua meravigliosa isola.
Mi chiedo, però, come mai sta succedendo tutto questo proprio ora...in Sicilia in modo particolare???...Come mai i siciliani non si sono mossi prima, ma solo ora che sta cambiando qualcosa? Non ci sarà per caso lo zampino di "qualcuno" che vuole tutto rimanga tale e quale...e spinge la gente nelle piazze con i forconi?
Non è vero che quello che dici non interessa, eccome che interessa perchè ci siamo dentro tutti fino al collo!!! Ci sarà pure qualcuno che ci ha trascinato in questo tunnel....eppure c'è ancora qualcuno pronto a difendere certi operati!!!
Certo che noi italiani ne abbiamo di pazienza!!!!!Fin che dura però!!
Ciao carissima un abbraccio
Bruna

Angelo azzurro ha detto...

Ho visto e sentito in Tv. E comprendo anche tutte le ragioni dei siciliani. Forza e coraggio, chissà che si risolva presto.

chicchina ha detto...

i motivi ci sono ,eccome,ma a mio parere il tutto viene gestito male e si ritorce contro gli stessi scipperanti,tutti contro tutti,e la fragile economia nostrana non regge.Vedremo,ancora siamo bloccati.
Grazie Angelo azzurro.

Lina-solopoesie ha detto...

Ciao CHICCHINA .
Non sto seguendo molto il telegiornalee . Ma dal quel poco che vedo immagino il disagio dei cittadini, visto che hanno bloccato autostrade porti raffinerie fabriche.Non non esportano e non importano nulla.So che anche li ( come da me pure) la isoccupazione è al 31% e lo stipendio medio degli occupati di 800 euro al mese. Ma come si fa a vivere così? se non si sopravvivere neppure . Però una cosa voglio dirla , Monti a da qualche mese al governo ,e la Sicilia è sempre parsa immobile nei secoli, quasi fosse una terra addormentata su se stessa.e come mai solo ora si ribbellano? Certo che c'è la mafia, dietro ai forcon , poi ci sono i veri mafiosi quelli che sono rimasti al governo .Spero che si faccia qualcosa per questa bellissima Sicilia e per i Siciliano Onesti . BUONA DOMENICA LINA

riri ha detto...

Cara, ho seguito per tv la situazione in Sicilia, molto grave, non voglio entrare nel discorso politico, nè sindacale, so che l'indignazione si fa strada un pò dappertutto creando disagi...

rosy ha detto...

Tutti stiamo sentendo e vedendo in TV
situazione del genere invece è realtà
Coraggio stiamo tutti accanto a voi.

Ti abbraccio. Ciao.

chicchina ha detto...

Ciao Lina ,
mi piace il tuo commento ,in questa situazione forse c'era qualcosa di valido ma è finito malissimo.Non si può bloccare un'isola yuna regione,già fragile di suo,per non si sa cosa:In effetti non ci sono valide motivazioni dichiarate.E poi uno sciopero contro chi? Gli agricoltori hanno visto marcire i loro prodotti,sostituito probabilmente da altr di dubbia provenienza.Il traffico bloccato,con qualche prepotenza e i paesi spettralmente vuoti.onti?C'è da qualche mese e sta tentando almeno una paervenza di governabilità.Ma prima dove erano tutti?.
Ti abbraccio,mi risulta difficile capire e anche farmi capire,in questi frangenti.

chicchina ha detto...

Riri,ritengo giusto sollevarsi ed indignarsi,ma forse bisognrerebbe avere anche le idee chiare ed almeno un interlocutore.Bloccare ogni possibile attività,solo per fare la voce grossa non ha senso eppure i motivi ci sarebbero stati,anche in altri momenti.
Una domenica strana,oggi,aspettiamo domani...
Ciao e una buona serata.

chicchina ha detto...

Rosy,che dire?Questa mattina dal benzinaio sotto casa c'era la fila,erano le 7,30.Alle due ancora la fila.Le persone aspettavano ,da quante ore?Alle due è comparsa l'autobotte,salutata da applausi(?!).La stazione di servizio presidiata dai carabinieri,ancora adesso.
Domani vedremo,ma i negozi saranno carichi ,probabilmente,di merce andata a male o quasi.
Un abbraccio,Rosy,resterò alla finestra...

il monticiano ha detto...

Mi dispiace e molto per questa nostra cara Isola - sì dico nostra perchè sai che pur essendo nato a Roma, ho nelle vene quel sangue lì da generazioni. Ora se ne sentono di tutti i colori: chissà chi c'è dietro
perchè il Gioverno e le forze dell'ordine non intervengono e neppure la Regione.
Ti/mi auguro che tutto si sistemi al più presto.

Francesco Zaffuto ha detto...

Sono passato dal tuo blog e mi sono soffermato anche sulle belle immagini della Sicilia che hai saputo raccogliere. Visto che questo post tratta dello stesso argomento, ti allego la risposta al tuo intervento che avevo inserito sul mio post.

A Chicchina,
ti ringrazio per l’intervento, mi ha fornito qualche spiraglio di riflessione in più (per me che sto lontano dalla Sicilia). Nel movimento di lotta mi pare che confluiscono figure sociali e più interessi diversi: quello dei camionisti, quello degli agricoltori, e giovani studenti. I camionisti quando si fermano provocano disagi immediati e sono una categoria in qualche modo forte, gli altri sono categorie che quando protestano restano deboli. Siamo di fronte al paradosso che la lotta danneggia anche una delle parti che sta lottando; alcune aziende agricole si considerano danneggiate per lo stesso proseguimento dei blocchi. Nonostante ciò; se questo movimento è l’occasione per iniziare un percorso di riscatto sociale della Sicilia è buona cosa; se è un finale stanco di partita diventa drammatico. Quello che non mi è piaciuto è l’isolamento politico e sindacale che si è voluto creare attorno a questo movimento e la sua demonizzazione; spero che i giovani disoccupati della Sicilia possano diventare l’asse portante di questo movimento.
ciao

riri ha detto...

La situazione si è un pò sbloccata o non se ne parla troppo? Un abbraccio

chicchina ha detto...

Grazie Francesco per aver risposto e per la completezza del commento.Ci sono cose giuste fatte nel momento sbagliato,c'è stata improvvisazione
e qualche forzatura da parte di chi aveva più potere contrattuale,o più possibilità di farsi sentire.
Auspichiamo le stesse cose,una presa di coscienza della gente che deve trovare la propria strada, la propria dignità svincolandosi,dove e quando serva, dal potere politico se questo non è in grado di garantire una sana amministrazione della cosa
pubblica ma anche da tanti altri legami e retaggi.Un cambio di marcia generazionale,ed a questo ancora ci credo.
Ciao Francesco,spero continueremo a sentirci e confrontarci.

chicchina ha detto...

Riri la situazione in se si è quasi sbloccata,certo per ritornare alla normalità ci vorrà qualche giorno ancora.Speriamo bene.A domani,con un buon caffè.

il monticiano ha detto...

Scusami Chicchi' ma ho inserito ieri un commento che non vedo. Chissà che cosa è successo? Magari l'avrò scritto poi dopo aver messo la parola può darsi che non abbia cliccato su "pubblica commento". Non ricordo neppure quello che avevo scritto. Ad ogni modo, se non ti dispiace, ritieniti "commentata" e perdonami.
Un abbraccione,
aldo.

Lina-solopoesie ha detto...

Chicchina .
Spero che presto torni tutto alla normalità , e che qualcosa di buone ne esca fuori, e dare a Cesare quello che è di Cesare . La protesta poteva essere anche giusta ma è stata fatta nel modo piu sbagliato che mai . Non è giusto che bucano gomme ai veicoli di altri poveri lavoratori e le minacce ai poveri esercenti che vogliono solo svolgere regolarmente la lora attività, sentendosi legittimati a fare tutto ciò che passava dentro le lore teste .Certamente non voglio di certo sminuire le cause di questa protesta, più che giusta mai ,però non ho mai visto fare uno sciopero con la stessa determinazione quando si e trattato di combattere la mafia a parte alcuni grandi uomini onesti di questa Meravigliosa Sicila . Poi se sbaglio correggetemi..

chicchina ha detto...

Ciao Aldo,hai ragione,io ho visto un tuo commento,assieme ad un paio di altri,ma il tempo di pubblicarli sono spariti...misteri della rete o di bloger che fa le bizze!Ti ringrazio,comunque,so che sei sempre presente,e questo mi fa piacere,perchè sei una persona a me molto cara.Una buona giornata.

chicchina ha detto...

Lina,la penso come te,uno sciopero di una settimanae con quelle caratteristiche non ha fatto bene a nessuno,e le motivazioni giuste che pure ci potevano essere,sono state annullate da atti di prepotenza e dal dannegiamento delle stesse categorie che si volevalo garantire.
In parte si è attenuato,ma manca prima di tutto frutta e verduta,proprio merce che di solito esportiamo!E i rifornimenti sono quasi tutti ancora a secco....
Un grazie per il tuo commento.Ciao

riri ha detto...

Cara Chicchina, un buongiorno per un sereno giorno, non ti nascondo ce sono preoccupata, quando un pò si perde il senso della realtà si è già sconfitti, amo la protesta, come forma di lotta alle ingiustizie, non tollero che si facciano danni inutili a persone innocenti (fino a prova contraria), credo che la vera lotta debba essere una protesta indignata con un fine e sono daccordo con te, finchè esisterà violenza si perde..
Un bacio

Lina-solopoesie ha detto...

Buon giorno Chicchina .
Sono passata da te per un saluto e un caffè " virtuale" in tua compagnia .E mi sono letta i commenti .Ho letto qualche giorno fa che ( riguardo al sud) un comunicato di "forza d'urto "che lo scioperolo dedicavano ai politici siciliani colpevoli di non aver ottenuto dal governo centrale una riduzione delle tasse sui carburanti solo per la Sicilia . cara amica ,non posso sentirmi solidale per chi pensa di essere piu bello dell'altro per pagare meno tasse per che e in una regione a statuto speciale. Tenendo conto che in questa situazione ci troviamo tutti (con figli disoccupati , compresi i nipoti) nella stessa barca ,e noi pensionati abbiamo pagato per primi per ,questa crisi Maledetta !Da oggi tutto dovrebbero dare un buon esempio , iniziando dai politici, ai tassisti avvocato, negozianti , ec ec .Solo così l'Italia può uscire da questa crisi .Tutti noi uniti, scendere in piazza per protestare, ( a Roma) E sperare che da oggi , nessuno più la faccia franca .Ciao Lina .

chicchina ha detto...

riri,la pensiamo allo stesso modo,non mi sognerei di condannare gli scioperi,le manifestazioni di protesta,e sappiamo che i motivi di volta in volta non mancano,ma ci sono le regole che valgono sempre.Speriamo meglio domani,oggi è stato come ieri.
Saluti per te e il resto dell'isola.Devo passare..

chicchina ha detto...

Ciao Lina,prendiamoci in santa pace questo caffè virtuale,due chiacchiere fra amici,per il resto,le cose sono sempre più complicate..e dobbiamo solo sperare,anche se non so più in che cosa.
Un abbraccio e una buona serata.

tiziano ha detto...

Ciao Chicchina sono cose inaudite che non dovrebbero succedere ti auguro che possa tornare tutto presto alla normalità
buona serata.

Elettra ha detto...

Il momento è davvero difficile e le tue foto lo testimoniano in maniera chiara!!!

UIFPW08 ha detto...

Condivido con te le stesse malinconie e la stessa rabbia, e a Palermo non siamo poi meno indignati..anzi vedrai tra qualche giorno..
Grazie della visita
Maurizio

Strega Bugiarda ha detto...

Ciao Chicchina, adesso riesco a postare commenti, ero già passata e condivido... ma spero oggi di scrivere... quante cose mi frullano in testa da circa un mese hahahah
Riuscirà la streghetta a scriverle?
Un caro abbraccio

wolfghost ha detto...

Intanto sono contento di sapere che le cose si sono sbloccate. Poi... lo sciopero e' un diritto, per carita'. Ed anche le manifestazioni, pure se provocano qualche disagio... Pero' farci qualche domanda diventa lecito... Dove lavoro io, piu' che dove abito, capita spesso ultimamente di trovare questo tipo di blocchi. Tra l'altro non sai come muoverti perche' spesso i manifestanti bloccano la strada principale, ma qualche volta pure la ferrovia che passa nelle vicinanze e addirittura il vicino casello autostradale! :-o
Ovvio che ci si chieda "ma non staranno esagerando? Non sara' controproducente una cosa del genere?", ma la vera domanda da farsi e' "Davvero e' necessario tutto questo per ricevere la giusta attenzione da parte delle autorita'?".
Questo e' cio' che dobbiamo domandarci... e attenzione: non sto suggerendo la risposta: non la so!

www.wolfghost.com

chicchina ha detto...

Grazie,Tiziano,piano piano si sta tornando alla normalità,e speriamo che duri..
un caro saluto

chicchina ha detto...

Dovrà passare pure qusta,cara Elettra.Certo non sono bei momenti ..
Ti ringrazio per la tua presenza.Ciao

chicchina ha detto...

Maurizio,c'è di che preoccuparsi ed indignarsi,anche perchè da noi le cose sono sempre più complicate,più barocche..
Un caro saluto.

chicchina ha detto...

Riuscirai,certamente ed aspetto cose belle e interessanti,come sempre.E speriamo che blogger non faccia più le bizze.Io uso Firefox e per ora mi trovo bene..
Aspetto di leggerti e ti auguro giorni sereni.
Ciao Gingi

chicchina ha detto...

Wolfghost,non so dare neanch'io una risposta.lo sciopero da sempre crea
disagi,si dà per scontato,ma quì si è superato il livello di sopportazione perchè se blocchi tutto non puoi neanche sperare in un minimo di solidarietà,da parte di chi subisce.Ma pare che almeno per ora tutto stia tornando nella norma.Grazie per il tuo commento,e scusa se non sono molto presente,per adesso.Ciao e a presto

riri ha detto...

Un caro saluto, niente tramonti? Un bacio da Torino

nina ha detto...

ciao Chicchina
non so commentare la situazione. Da una parte riconosco le ragioni di chi protesta, dall'altra pare che i provvedimenti siano inevitabili. O meglio,penso che sicuramente ci sarebbero altri modi per affrontare la crisi che non quelli dei sacrifici e dell'azzeramento dei diritti; ma questi modi necessiterebbero di una concezione del mondo totalmente diversa da quella oggi pubblicamente professata (da quasi tutti).
In più c'è il sospetto che anche le proteste più spontanee e genuine possano essere corrotte e strumentalizzate.
A rimetterci, in ogni caso, sono i cittadini. E pazienza per chi può muoversi a piedi e fare un po' di sana dieta, ma tutti quelli che si trovano in una condizione di bisogno perché vecchi o malati o soli?
Che fare?
Intanto, forza e coraggio!
Nina

chicchina ha detto...

Riri,una risposta in ritardo,grazie per esserci...
Ciao

chicchina ha detto...

Nina,scusa se rispondo solo ora,a situazione quasi normale.Personalmente ho accettato l'idea di qualche passo a piedi ed una piccola dieta,come tu dici,ma la situazione è più complessa:sai che,per formazione ed idee, non contesto il diritto allo sciopero ed alle manifestazioni,ma questo siciliano mi sapeva di...anomalo,se conosco un po la realtà di questa terra che mi ospita oramai da una vita.E i dubbi giorno dopo giorno stanno prendendo corpo.
Quando le acque si sono calmate,in parte si contano i danni,in parte gli organi preposti indagano.
E noi ? portiamo pazienza!Mi piacerebbe,quando avremo occasione,fare una discussione più approfondita.Per ora ciao e speriamo a presto.

Janas ha detto...

Mah.... sinceramente io ho una mia idea in proposito...
è passato qualche giorno dal tuo post, ed ora la situazione, in questa settimana appena trascorsa, si è trasferita in continente, in misura minore. Ma comunque anche qua da me alcuni fruttivendoli erano poco forniti, alcuni altri sono rimasti chiusi per sciopero ai mercati generali, le pompe di benzina sono state prese d'assalto (alcuni giorni fa si è bloccato il quartiere perchè erano tutti in fila a rifornirsi, e la pompa è rimasta chiusa fino ad oggi perchè aveva esaurito tutto).
Chi ci rimette?.... sempre gli stessi mi pare?
.... ma non si protestava perchè "a rimetterci sono sempre gli stessi"?!...
In ogni caso io mi unirò a dei manifestanti quando si protesterà contro la Mafia e la Camorra e la 'Ndrangheta...

chicchina ha detto...

Ianas,anch'io mi sono trovata un po spiazzata perchè ho sempre ritenuto che lo sciopero fosse un sistema,spesso l'unico, per presentare delle istanze a tutti i livelli,su problemi veri.
I problemi del sud,della Sucilia ci sono e come,ma il movimento che ha decretato il blocco di ogni ttività era almeno di dubbia matrice.lo stiamo vedendo,a gioco fermo,in questi giorni,fra indagini della magistratura e ammissioni di politicanti locali che hanno cambiato più casacche loro di quanti vestiti non ne cambino indossatrici in ua sfilata importante!Se vogliono essere seri devono scioperare anche contro tutte le mafie che strangolano le attività produttive legali,il
lavoro,la crescita.Ciao,Janas,e fatti sentire più spesso..